Home Page Home Page Articoli Cosa posso costruire con Visual Studio .NET ?

Cosa posso costruire con Visual Studio .NET ?

Un' introduzione sui vari tipi di progetto disponibili in Visual Studio dalle tipiche applicazioni Windows fino alle recenti applicazioni Web e agli innovativi Web Services.
Autore: David De Giacomi Livello:
Cosa è Visual Studio .NET
Visual Studio .NET o (7.0) è l’ultima major release in ordine di tempo di casa Microsoft ed è la suite di tools di sviluppo dedicata alla costruzione di applicazioni in genere.
Non si tratta di un semplice restyling, come molti esponenti del settore IT sostengono, ma di una riscrittura quasi completa di tutto il codice dell’ambiente.

Nel vecchio Visual Studio 6.0 c’erano diversi ambienti per costruire applicazioni con i diversi linguaggi, es. Visual C++ per applicazioni ANSI C, C++, Visual Basic, strumento per costruire applicazioni rapidamente, Visual InterDev per lo sviluppo di applicazioni Web, Siti Web, Servizi Web Ecc.
Dalla release 7.0 il tutto è stato unificato in un unico ambiente molto flessibile, potente e configurabile in base alle nostre esigenze. Con Visual Studio .NET ora possiamo costruire qualsiasi tipo di software utilizzando il nostro linguaggio preferito.
Ecco una prima panoramica dei tipo di applicazioni che Visual Studio mette a disposizione:

Applicazioni Windows (Win Forms)
Da questa release le applicazioni windows generali cambiano nome, si chiamano Windows Forms.
Il termine Form è stato ereditato da Visual Basic. Con Form si indica fondamentalmente una finestra in cui possiamo inserire altri controlli come pulsanti, caselle di testo, immagini ecc.
Un insieme di Forms e Controlli costituisce l’interfaccia della nostra applicazione attraverso la quale l’utente interagisce. Di questa categoria fanno parte le classiche applicazioni come Word, Excel, Access e simili, così come anche le applicazioni “da linea di comando” (Console Applications).

Applicazioni Web
E’ forse questa la novità più importante introdotta con la nuova release dell’ambiente di sviluppo targato Microsoft. Fino a poco tempo fa l’unica tecnologia a disposizione per lo sviluppo Web era ASP (Active Server Pages) giunta ormai alla matura versione 3.0 che con il supporto avanzato delle classi ADO (ActiveX Data Objects) ci consentiva di accedere alle basi di dati.
Questa tecnologia ormai matura era però fonte anche di diversi problemi e mostrava palesemente i suoi enormi limiti. Con ASP.NET si assiste ad una vera rivoluzione dell’intero panorama dello sviluppo Web. C’è una netta apertura di Microsoft verso gli standard aperti definiti dal W3 come XML e Soap. Non casualmente buona parte dei file di configurazione (delle applicazioni Web, delle policy di sistema e il metabase di IIS 6.0, per fare degli esempi) sono in XML.
L’idea alla base di ASP.NET è quella di costruire architetture e applicazioni complesse e veri e propri servizi (Web Services) integrati non rinunciando all’alta produttività offerta da ASP 3.0.
La sicurezza e le performance sono state migliorate decisamente. Riguardo le performance c’è un nuovo ed efficiente meccanismo di caching che evita continue chiamate ai DB per recuperare gli stessi dati, e una nuova architettura di IIS 6.0 che con un nuovo driver (http.SYS) che gira a livello di kernel permette di servire quantità elevate di richieste. In più c’è da sottolineare che è cambiato il threading model e questo permetterà di fare funzionare più siti web e più application pool sulla stessa macchina senza che il possibile crash di una di queste faccia crollare l’intero IIS.

Windows Service Applications
Il mondo delle applicazioni non è solo formato dalle due branchie elencate precedentemente ma anche da programmi che sono eseguiti in background, che non hanno interfaccia con l’utente e che interagiscono con il sistema operativo. Sono i Servizi di Windows. Per farvi un esempio rientrano in questa sezione i Web Server, i server di posta, i server FTP, e così via.
Mentre nell’ambiente precedente (VS 6.0) costruire applicazioni di questo tipo era un’impresa molto difficile e possibile solo a programmatori di lunga e provata esperienza, con Visual Studio .NET abbiamo a disposizione una serie di classi che ci facilitano enormemente la vita.
In particolare il Framework ha una classe (ServiceBase) che implementa proprio i metodi tipici di un servizio Windows (OnStart, OnStop, OnPause, ecc.).
Visual Studio .NET infatti quando scegliamo un progetto di questo tipo si appoggia proprio a ServiceBase creando uno scheletro di applicazione (Skeleton) contente il minimo delle dichiarazioni che utilizzeremo poi per implementare le funzionalità del nostro servizio.

Conclusioni
Come vedete la gamma di applicazioni che si possono sviluppare con il nuovo ambiente di sviluppo di Microsoft è veramente vasta e copre ormai qualsiasi esigenza. In più abbiamo la possibilità di scegliere il linguaggio di sviluppo con cui ci troviamo meglio (dall’innovativo C#, a VB.NET, al classico C++, e a tutti gli altri linguaggi supportati come Cobol, J#, Fortran, ecc.) e sfruttare l’ottima gerarchia di classi messa a disposizione dal Framework.
Sicuramente l’ambiente nuovo è veramente all’altezza e offre una velocità di sviluppo senza eguali e quindi alta produttività, anche se di contro c’è il fatto che richiede decisamente molte risorse in termini di memoria occupata e spazio su disco, ma visti i prezzi sempre più bassi di questo tipo di componenti, è un problema trascurabile.
Il mondo dello sviluppo delle applicazioni, mai come in questo momento, sta evolendo molto e probabilmente in futuro sempre di più ma fortunatamente troviamo in Visual Studio .NET uno strumento che ci permetterà di stare al passo della tecnologia che avanza (purtroppo o per fortuna) inesorabilmente!
Voto medio articolo: 3.3 Numero Voti: 7
David De Giacomi

David De Giacomi

MVP Program Logo Approda al mondo dell'informatica nell' Aprile del 1994. Un amico gli fa conoscere il Quick Basic del DOS. E' cosi che inizia la sua attività di sviluppatore. Prosegue il suo percorso con altri linguaggi (Visual Basic, Pascal, Java, ANSI C), fino ad arrivare a .NET. Per un certo periodo affianca all'attività ... Profilo completo

Articoli collegati

Utilizzare NUnit per testare codice .NET
Scopriamo in questo articolo come utilizzare il popolare framework Open Source NUnit per effettuare Unit Testing del codice .NET aumentandone la qualità e riducendo il numero di eventuali bugs.
Autore: Michela Zangarelli | Difficoltà:
SQL Injection, che cosa è e come difendersi
I malintenzionati sono sempre dietro l'angolo. Il SQL Injection è una delle pratiche più semplici da utilizzare per attaccare un'applicazione poco sicura e violarla o arrecare danni al database. Vediamo che cos'è e come garantire la sicurezza delle applicazioni in modo adeguato.
Autore: Alessandro Alpi | Difficoltà: | Commenti: 4
Visual Studio 2005 Team System
Scopriamo il nuovo IDE di sviluppo che copre interamente l'intero ciclo di vita del software integrando in un solo ambiente più prodotti e studiato apposta per i ruoli di Architect, Developer e Tester.
Autore: Marco Caruso | Difficoltà: | Voto:
Tutorial ADO.NET ed esempi pratici - Parte 2
Dopo aver fatto un po' di teoria su ADO.NET nella Parte 1 dell'articolo procediamo con un Tutorial pratico che ci condurrà alla creazione di un'applicazione basilare che consenta l'accesso e la modifica dei dati su un Database Access.
Autore: Stefano Passatordi | Difficoltà: | Commenti: 10
Introduzione ad ADO.NET - Parte 1
ADO.NET è uno dei componenti chiave del .NET Framework. Eredita il nome dal vecchio ADO ma è praticamente quasi tutto cambiato. Una nuova architettura, nuovi concetti, nuove funzionalità e nuovi oggetti. Vediamo quali sono e a cosa servono.
Autore: Stefano Passatordi | Difficoltà: | Commenti: 6
Colonne calcolate e parola "Child" con ADO.NET
Una cosa utile di ADO.NET e' la possibilita di aggiungere ad una colonna da codice il cui valore sia il risultato di operazioni sui dati dei record (o tra valori di altre colonne). Quando si utilizza un dataset con piu tabelle collegate mediante relazioni invece, usando la parola chiave "child" si possono avere delle informazioni riguardanti le tabelle figlio, direttamente nei record della tabella
Autore: Matteo Raumer | Difficoltà: | Voto:
Usare degli indicatori di progresso con Query SQL
Nell'articolo vediamo come sia possibile con un l'aiuto delle classi DataReader e Command di ADO.NET, mostrare un indicatore di progresso che indichi lo stato di avanzamento di una query SQL durante il fetching dei dati.
Autore: Matteo Raumer | Difficoltà: | Voto:
La crittografia e la classe Rijndael
Vediamo come utilizzare una delle tante classi messe a disposizione dal .NET Framework per la crittografia dei dati. In particolare la classe Rijndael implementa un algoritmo di crittografia molto forte diventato famoso negli ultimi anni.
Autore: David De Giacomi | Difficoltà:
DES il famoso standard creato da IBM per la crittografia dei dati
In questo articolo dimostreremo come crittografare dei file usando il .NET Framework e in particolare la classe DESCryptoServiceProvider che implementa l'ormai noto algoritmo di cifratura inventato da IBM negli anni 70 chiamato DES (Data Encryption Standard)
Autore: David De Giacomi | Difficoltà: | Commenti: 2 | Voto:
Cosa sono e come funzionano le funzioni ricorsive?
Ecco tre esempi efficaci che vi spiegano come usare correttamente le funzioni ricorsive, per effettuare ricerche di file e cartelle all'interno del disco fisso, per ricostruire la struttura di un file XML oppure per svuotare determinati controlli in una Form.
Autore: Matteo Raumer | Difficoltà: | Commenti: 2
Costruire Console Applications con Visual Studio .NET
Spiegheremo in questo articolo i passi base fondamentali per costruire Console Applications utilizzando Visual Studio .NET.
Autore: David De Giacomi | Difficoltà: | Voto:
TextReader e TextWriter
Una panoramica su come utilizzare queste due classi che ci permettono di leggere e scrivere file di testo.
Autore: David De Giacomi | Difficoltà: | Commenti: 1 | Voto:
Giochiamo un po' con il registro di Windows!
Scopriamo uno degli elementi fondamentali del sistema operativo Windows e vediamo come è possibile accedervi tramite le classi offerte dal .NET Framework: Microsoft.Win32.Registry e Microsoft.Win32.RegistryKey
Autore: David De Giacomi | Difficoltà: | Commenti: 1 | Voto:
.NET Framework 1.1 Beta
Una prima panormaica sulle novità offerte dal Framework 1.1 che sarà integrato nella prossima versione di Visual Studio .NET 2003.
Autore: David De Giacomi | Difficoltà:
Copyright © dotNetHell.it 2002-2017
Running on Windows Server 2008 R2 Standard, SQL Server 2012 & ASP.NET 3.5