Home Page Home Page Tips & Tricks Che cos'è e come funziona il DNS ?

Che cos'è e come funziona il DNS ?


DNS è l'acronimo di Domain Name System ma può essere tradotto anche con Domain Name Server fra poco capirete il perchè. Il DNS è un protocollo di comunicazione molto famoso al giorno d'oggi perchè è uno dei pilastri dell'architettura della grande rete Internet. Attualmente viene spesso utilizzato anche nelle reti locali aziendali.
Ogni giorno quando navigate in internet o controllate la posta elettronica usate questo protocollo magari senza neanche saperlo.
Se vi siete abbonati ad Internet e avete configurato l'accesso remoto, fra i vari parametri vi sarà capitato di configurare anche il DNS Primario e DNS Secondario. Ultimamente con le connessioni ADSL ciò non succede più perchè la configurazione avviene automaticamente.

Indirizzi IP, Siti Web e DNS


Vi siete mai chiesti che cosa succede quando digitate www.sito.com nella barra del Browser?
Bene, lo spieghiamo qui di seguito. Come premessa iniziamo a dire che ad ogni sito web corrisponde generalmente un indirizzo IP. Un indirizzo IP è come un numero di telefono. Chiamando questo numero ci colleghiamo direttamente al sito Web e visualizziamo le pagine.
Gli indirizzi IP sono fatti da 4 terzine di numeri che vanno da 0 a 255.
Indirizzi IP validi sono per esempio:

212.31.251.134 oppure 84.242.23.215

Nasce però un problema, come fa una persona a ricordarsi a memoria queste sequenze di numeri ?
E' più facie ricordarsi un nome particolare piuttosto che ricordarsi numero. Ecco allora che ci viene in aiuto appunto il DNS. Questo protocollo ci consente di tradurre un nome di un sito per esempio (www.tin.it) nel corrispondente indirizzo IP (62.211.65.12).
Se infatti voi digitate nel browser http://62.211.65.12  vedrete che vi collegherete direttamente al sito di Tin.

Attenzione! Questa operazione non funziona sempre infatti ci sono molti siti Web che condividono un unico indirizzo e quando voi digitate l'IP il Server che ospita le pagine non sa a quale sito state facendo riferimento e quindi non riuscirete a vedere niente.

Il DNS Server


Vi chiederete... ma chi tiene quindi un archivio delle corrispondeze IP<->Nome sito ? Sono i DNS Server che funzionano, per ritornare all'esempio di cui sopra, come una sorta di guide del telefono. Ora capite quindi perchè qualcuno attribuisce alla "S" di DNS il significato di System oppure di Server.

Nel momento in cui premete invio nel Browser, il vostro computer cerca di collegarsi al primo dei DNS impostati nella vostra connessione di rete, una volta connesso fornisce al DNS il nome del sito (es. www.tin.it), il DNS ricerca il numero IP corrispondente e lo restituisce al Browser. A questo punto il browser si collega a quell'indirizzo e incomincia a ricevere le pagine che poi visualizzerete.

I DNS impostati nelle connessioni di rete di solito sono due Primario e Secondario proprio perchè nel caso non funzionasse il primo si può tentare con il secondo.
Il protocollo DNS è stato progettato con l'idea di fare una struttura gerarchica.
Se infatti voi richiedete al vostro DNS Server di tradurvi un nome di un sito in un indirizzo IP prima di rispondervi picche il DNS Server stesso può fare a sua volta la richiesta a un DNS superiore gerarchicamente e a ritroso verrà poi fornito il risultato. Se in nessuno dei DNS interrogati c'è una corrispondenza IP<->Nome il Browser vi ritonerà la classica schermata "Impossibile trovare il sito tal dei tali".

Interrogazione di un DNS


Quando voi richiedete la risoluzione di un nome per esempio www.microsoft.com il vostro DNS Server generalmente controlla nella sua cache, se non ha il risultato allora contatta direttamente uno dei cosiddetti Root Server.
I Root Servers sono dei server che gestiscono le zone/estensioni (.com, .org, .net, .edu, ecc.) le più famose per intenderci.
Se voi quindi cercate un sito .com il vostro DNS contatta uno di questi Top Server, come risposta avrà un'altra serie di DNS Server che gestiscono la particolare estensione .com.
Verrà fatta richiesta quindi ad uno di questi server, che daranno come risposta una lista di server che gestiscono il dominio particolare microsoft.com.
All'ultimo passaggio al server che gestisce il dominio Microsoft verrà richiesto di tradurre il "www" in indirizzo IP e a questo punto avremo la risposta definitiva.
Il vostro server DNS quindi metterà in Cache questa corrispondenza di modo chè se voi riaprirete nuovamente lo stesso sito web vi fornirà direttamente la risposta senza fare tutti i passaggi di cui sopra.

I Root Servers e la loro importanza


I Root Servers sono 13 e sono sparsi nel mondo. Molti sono negli Stati Uniti e vengono gestiti da grandi organizzazioni. Questi Servers ricoprono un ruolo di fondamentale importanza, per fare un esempio drastico, se questi server venissero spenti, nessuno potrebbe più navigare in Internet con una grave ricaduta sull'economia mondiale.
Qualche mese fa infatti un particolare virus tentava attacchi continui a questi Root Servers mettendone in ginocchio alcuni. Ciò provocò un parziale blocco di Internet in alcune aree del globo. Nonostante siano Server ad alte prestazioni, un eccessivo numero di richieste li può mettere in difficoltà.


Copyright © dotNetHell.it 2002-2018
Running on Windows Server 2008 R2 Standard, SQL Server 2012 & ASP.NET 3.5