Home Page Home Page Articoli Visual Studio 2005 Team System for Database Professionals

Visual Studio 2005 Team System for Database Professionals

Scopriamo questo nuovo e potente Tool della famiglia Visual Studio 2005 Team System per creare, sviluppare, testare e gestire con più facilità e flessibilità i database di SQL Server.
Autore: Marco Caruso Livello:

1. Introduzione


In un precedente articolo abbiamo visto l’introduzione a Visual Studio 2005 Team System(http://www.dotnethell.it/articles/Visual-Studio-2005-Team-System.aspx) con le versioni per Architetto, Sviluppatore e Tester.
In questo articolo parleremo di una nuova versione di Visual Studio 2005 Team System che è quella per la gestione del Database che effettivamente è un'area che mancava e che è stata sviluppata in un secondo momento infatti la RTM (Release to Manufacture) è stata rilasciata il 14 novembre 2006. Questa versione viene rilasciata gratuitamente ai possessori del pacchetto Visual Studio Team System Suite.

Se volete provare questo prodotto potete scaricare una trial a questo indirizzo:
Visual Studio 2005 Team System for Database Professionals Download 

Visual Studio 2005 Team System for Database Professional (chiamato per brevità VSTSDP) permette di creare e gestire un database di SQL Server 2000/2005 all'interno di Visual Studio 2005, avendo la possibilità di inserire sotto Source Safe o il nuovo Source Control di Team Foundation Server i file SQL.
Attraverso questo prodotto possiamo monitorare tutte le modifiche fatte al database o alle stored procedure e avere a disposizione diversi strumenti davvero utili. Andiamo a scoprire come si usa questo nuovo prodotto.

2. Configurazione


Una volta che si istalla VSTSDP sotto le opzioni di Visual Studio 2005 si inserisce un nuovo nodo chiamato Database Tools.
Per visualizzarlo Tools-->Options e cliccare su Database Tools.
Importanti su questo menu sono due voci il Data Connection che è il l'istanza di SQL Server 2005 a cui si ci connette per i database ed è possibile inoltre collegarsi anche a SQL Server 2005 Express come nel mio caso:


L'altra voce importante è Design-time Validation Database che è l'istanza che viene usata per il salvataggio e validazione del database in fase di progettazione in Visual Studio 2005. Questo perché durante l'attività di progettazione viene creato un database ad hoc temporaneo dove vengono salvati tutti gli oggetti.

3.Primo progetto


Per creare il nostro primo progetto dobbiamo fare File --> New Project --> Database Projects-->Microsoft Sql Server:



Come potete vedere anche dall'immagine si possono selezionare 4 tipologie di progetto Sql Server 2000/2005 e Sql Server 2000/2005 Wizard.
In questo caso selezioniamo SQL Server 2005 Wizard e gli diamo come nome DemoDNH
Alla prima schermata clicchiamo su Next.
Poi ci troveremo la seguente schermata:



che ci chiede come vogliamo organizzare il progetto se per Object Type o per Schema. Come molti di voi ormai sapranno, in SQL 2005 sono stati introdotti gli schemi che non sono altro che collezioni di entità del database, di fatto una specie di namespace (utilizzando un termine preso a prestito dal mondo della programmazione OOP).

Proprio per questo scegliamo di organizzare il progetto per schema e lasciamo quello di default dbo. Premiamo ancora Next e ci viene visualizzata la schermata degli Opzioni:



dove possiamo impostare le varie opzioni del database dall'ANSI Paddings alla collation(ricordatevi che queste opzioni possono essere sempre modificate ma è buona cosa impostarle già subito nei vari step dello Wizard).
Clicchiamo due volte su next tralasciando la schermata per importare un schema esistente e ci troveremo di fronte alla seguente schermata:



In quest'ultima schermata vengono impostate le opzioni per il build e il deploy del database in particolare, si deve impostare la cartella dove vengono salvati i file SQL, il nome del database per il deploy, e se ad ogni deploy si deve ricreare il database.
Cliccare su finish per creare il progetto.

Nel Solution Explorerci troveremo 3 cartelle:

• Data Generation Plans(ne parleremo più avanti)
• Schema Objects: in cui sono presenti tutti gli oggetti dello schema del database
• Script dove sono presenti gli script per il pre e post deployment



Per utilizzare tutte le funzionalità di VSTSDP bisogna usare lo Schema View (se non viene visualizzato in automatico cliccare sul menu View -->Schema View) che rappresenta tutti gli oggetti dello schema).

Esempio in una tabella è possibile aggiungere solo i seguenti oggetti rappresentati nella figura


4. Refactor


Uno strumento molto utile all’interno di VSTSDP è il Refactorovvero la possibilità di rinominare gli oggetti; in automatico questa modifica si ripercuote per tutto lo schema.
Esempio se vogliamo rinominare una colonna di una tabella, il nome della colonna in automatico viene modificato nelle stored procedure, user fuction, viste ecc.
Per utilizzare il refactor dallo schema view, fare clic con il tasto destro su il nome della colonna
Refactor --> Rename
Comparirà la seguente immagine dove si deve inserire il nuovo nome:



E' possibile fare generare anche un log per mantenere traccia delle modifiche.

5. Compare Schema e Dati


Una funzione molto utile è lo Schema Compare ovvero la possibilità di confrontare due schemi. Prima si poteva fare questa operazione solo tramite dei prodotti a pagamento o free di terze parti. Tramite questa feature VSTSDP controlla tutti gli oggetti dei due schemi e come risultato fornisce un delta ossia che cosa c'è di diverso fra i due.

Per creare un Compare Schema, dal menu Data --> Schema Compare --> New Schema Comparison .
Bisogna selezionare lo schema sorgente (che di default è lo schema del progetto su cui state lavorando) e quello di destinazione
L'immagine seguente mostra in dettaglio cosa viene creato:



Per ogni oggetto vengono visualizzati sia la modifica che sarà effettuata sia lo script di aggiornamento. Si può decidere di apportare direttamente le modifiche, oppure di esportare in un file lo script di update.
Così come a livello di struttura di database è possibile fare una comparazione anche a livello di dati che confronta le differenze tra i due database, questa funzione è molto utile per sincronizzare i dati tra database di test e sviluppo e di produzione.

6. Data Generation Plan


Un'ultima funzione molto utile è il Data Generation Plan, ovvero la possibilità di far generare dei dati casuali in base allo schema generato. Questo è molto utile per effettuare test.
Per creare un Data Generation Plan dal Solution Explorer cliccare con il tasto destro su Data Generation Plan --> Add --> Data Generation Plan e viene creato un nuovo piano di generazione.
Un' esempio e quello di questa immagine:



Tramite Rows To Insert possiamo selezionare il numero di righe che verranno inserite, e nel dettaglio delle colonne che tipo di dati devono essere inseriti.
Tramite il tasto preview:



è possibile visualizzare i dati (casuali) che verranno inseriti.
Infine tramite il tasto Generate



si può procedere all'inserimento effettivo dei dati.

Conclusioni


Visual Studio 2005 Team System Database Professional è un ottimo prodotto per la gestione delle basi dati con delle funzionalità mirate a gestire il database nelle varie fasi di progettazione, sviluppo e deployment. La possibilità di inserire i file SQL sotto un gestore del codice sorgente ci permette di non avere troppe difficoltà nelle modifiche degli stessi come poteva avvenire in passato. Inoltre il set completo delle features offerte dal prodotto lo rende estremamente potente.
Voto medio articolo: Numero Voti: 0
Marco Caruso

Marco Caruso

Consulente Informatico di Roma, inizia la sua carriera nel 2000 utilizzando la tecnlogia Lotus Notes e il server Domino. Alla fine del 2001 passa alla piattaforma Microsoft.NET dove si appassiona sempre più a questa nuova tecnlogia. Importanti progetti a livello Enterprise per grandi società lo portano a cono... Profilo completo

Articoli collegati

Garantire l'univocità di una colonna ammettendo valori NULL multipli
Chi sviluppa in ambito professionale o per puro diletto prima o poi si troverà ad affrontare tematiche nuove ed avvincenti. In questo articolo cercherò di illustrare tre tecniche con i relativi pregi e difetti per permettere con SQL Server di garantire l'univocità di una colonna senza alcuna limitazione sui valori NULL
Autore: Lorenzo Benaglia | Difficoltà:
Integrare Crystal Reports con una Windows Form
Ecco come sfruttare in modo semplice e rapido le funzionalità offerte dal tool di reportistica Crystal Reports di Business Objects all'interno di una Windows Form .NET, dalla crazione del Report al Binding dei dati.
Autore: Matteo Raumer | Difficoltà: | Commenti: 2
Il Logging con Integration Services 2005
Perchè si è bloccata la mia applicazione ? Che errori si sono verificati ? Perchè il flusso d'esecuzione non procede nel modo corretto ? Cerchiamo di capire come possono esserci utili le funzionalità di logging offerte da SQL Server e gli Integration Services per rendere più affidabili e consistenti le nostre applicazioni.
Autore: Alessandro Alpi | Difficoltà: | Commenti: 3
Utilizzare i SQL Server Agent Proxies con i Package SSIS
Chi utilizza frequentemente i SSIS Packages e accede a risorse esterne a SQL Server non può fare a meno di conoscere ed utilizzare i Proxy Account (o SQL Server Agent Proxies). Vediamo che cosa sono e come si utilizzano in modo proficuo.
Autore: Alessandro Alpi | Difficoltà: | Commenti: 4
SQL Server 2005 - La Import/Export utility
Chi lavora sui Database si ritrova quasi quotidianamente a dover importare o esportare dati. SQL Server 2005 agevola notevolmente il compito tramite l'Import/Export Utility (ex DTS Import/Export di SQL 2000). Vediamo come funziona.
Autore: Alessandro Alpi | Difficoltà: | Commenti: 14
Parallelismo tra SSIS e DTS, due prodotti a confronto
In questo articolo un'analisi sulle novità dei SQL Server 2005 Integration Services rispetto ai DTS di SQL Server 2000.
Autore: Alessandro Alpi | Difficoltà: | Commenti: 2
Overview dei SQL Server Integration Services (SSIS)
Scopriamo i nuovi Sql Server Integration Services presenti in SQL Server 2005 che sostituisco i DTS aggiungendo delle nuove funzionalità davvero interessanti
Autore: Alessandro Alpi | Difficoltà: | Commenti: 6 | Voto:
Leggere un file XML con SQL Server 2005
Scopriamo in questo articolo alcune potenzialità offerte dal nuovo database SQL 2005, tra cui il nuovo data type XML, e le Stored Procedures per importare e gestire all'interno del database file testuali in formato XML.
Autore: Lorenzo Benaglia | Difficoltà: | Commenti: 5
ExcelDataSetLib, una libreria .NET per esportare dati in formato Excel
In questo articolo verrà dimostrato come derivare la classe DataSet e integrare funzionalità per esportare in formato Excel XLS, XML o CSV i dati provenienti da un base dati qualsiasi.
Autore: David De Giacomi | Difficoltà: | Commenti: 3 | Voto:
Microsoft Application Blocks Data Access
Quante volte vi è capitato di riscrivere decine di volte lo stesso pezzo di codice all'interno di un progetto ? Scopriamo in questo articolo l'utilità dei Microsoft Application Blocks che vi permettono di ottimizzare il vostro codice evitando ripetizioni e vi facilitano la lettura.
Autore: Marco Caruso | Difficoltà:
Comprimere e decomprimere files ZIP con .NET e #ZipLib
Visualizzare il contenuto di un file Zip da una applicazione vi sembra una Mission Impossibile? Oppure la vostra azienda ha fatto un mutuo per pagare il componente che vi aiuta nel lavoro? Ecco un articolo che parla della libreria sharpZipLib, libreria Open Source per la gestione dei formati compressi.
Autore: Giovanni Ferron | Difficoltà: | Commenti: 7
Rivoluzione nel campo dei Reports con i SQL Reporting Services
Finalmente Microsoft ci mette a disposizione uno straordinario tool per la produzione di Report perfettamente integrato con l'architettura .NET. Fino ad ora siamo sempre stati abituati ad utilizzare il buono seppur limitato Crystal Report. Vediamo cosa cambia da ora in poi.
Autore: David De Giacomi | Difficoltà: | Commenti: 6 | Voto:
Scopriamo cosa sono gli Office XP PIA
Vediamo in quest'articolo una dettagliata introduzione dei PIA gli assemblies che permettono ad un'applicazione .NET di interagire e di dialogare con i prodotti della suite Microsoft Office XP.
Autore: David De Giacomi | Difficoltà: | Commenti: 6
Migliorare la qualità dei grafici nei Crystal Reports
In questo breve articolo vedremo come aumentare la qualità dei grafici prodotti da Crystal Reports durante il rendering tramite Web con ASP.NET e all'interno di applicazioni WinForms.
Autore: David De Giacomi | Difficoltà:
Costruire Report con ASP.NET e Crystal Reports
Vedremo in questo semplice Tutorial le istruzioni base che ci permetteranno di costruire un report avanzato usando ASP.NET e l'oggetto CrystalReportViewer integrato in questa versione di Visual Studio .NET.
Autore: David De Giacomi | Difficoltà: | Commenti: 14
Copyright © dotNetHell.it 2002-2017
Running on Windows Server 2008 R2 Standard, SQL Server 2012 & ASP.NET 3.5