Home Page Home Page News Google lancia in Beta il WebAccelerator

Google lancia in Beta il WebAccelerator

In barba alla privacy, Google lancia un altro piccolo strumentino chiamato Google WebAccelerator che promette una navigazione più rapida su Internet. Vediamo di cosa si tratta e come funziona.
Google e la Privacy
Finchè si trattava di violazioni di privacy da parte di Microsoft il mondo intero si scatenava scrivendo dettagliatissimi dossier e analisi dei vari dati che la casa di Redmond "rubava" ai poveri ignari utenti. (E' stato il caso di Windows Update fra i tanti, o il servizio di segnalazione errori, e molto altro).

Se lo fa il Re dei motori di ricerca, Google, invece non ne parla nessuno e tutto è concesso, si è partiti dal motore stesso che catalizzava e catalizza ancora oggi una buona parte delle ricerche degli utenti Internet. Di fatto il motore ha la possibilità di fare un tracking di buona parte dei siti su cui navighiamo giornalmente. Successivamente è uscita la Toolbar che in alcuni casi può essere considerata proprio uno Spyware. Ed ancora la Google Mail che analizzando la nostra posta ci mostra pubblicità ad hoc in base ai contenuti fino ad arrivare all'ultimo Tool, il Google Web Accelerator.



Google WebAccelerator
Questo piccolo tool di soli 1,38 mb si scarica e si installa rapidamente integrandosi nella barra delle applicazioni di Windows. Il funzionamento pare abbastanza complesso. Per garantire una rapidissima navigazione in Internet questo programmino può fra le altre cose, fare un caching delle pagine visitate su disco, oppure scaricare preventivamente i link alla pagina che stiamo vedendo in un determinato momento, può comprimere i dati prima di riceverli sul nostro PC accorciando di fatto i tempi, oppure gestire genericamente la connessione accorciando i ritardi. Questo è quanto è scritto nella documentazione, è tutto bello ma non basta per capire il reale funzionamento.

Si dice che questo Tool sia addirittura ottimizzato per la navigazione con linee a banda larga (banda larga). Già questa è una cosa strana, perchè teoricamente dovrebbe essere ottimizzato per le dial-up ben più lente delle più comuni ADSL.

A livello di Privacy Google dice che loro riceveranno solo l'indirizzo della pagina richiesta, l'ora e la data della richiesta, l'indirizzo IP e aggiunge informazioni circa il computer e la connessione. Praticamente Google e il Google WebAccelerator diventano un megaproxy a nostra disposizione.

E' compatibile sia con Internet Explorer che con Firefox.
Chi ama il rischio può provarlo scaricandolo da qui:
http://webaccelerator.google.com/ ">http://webaccelerator.google.com/ 

News Collegate


Non è presente nessuna news collegata. Torna all'elenco news 
Copyright © dotNetHell.it 2002-2017
Running on Windows Server 2008 R2 Standard, SQL Server 2012 & ASP.NET 3.5