Curiosità

mercoledì 31 agosto 2011 - 21.37
Tag Elenco Tags  VB.NET  |  .NET 4.0

avarrati Profilo | Newbie

salve a tutti
lavoro per una società da poco, ma programmo da oltre 10 anni in diversi linguaggi. ho due lauree specialistiche in ingegneria e ho sempre diretto, per le società in cui ho lavorato, un team a programmare secondo le 'mie' modalità/direttive oppure ho programmato direttamente da solo, quindi a 'modo mio'. adesso che mi trovo a lavorare in un team di cui ne faccio parte ma non lo dirigo. un mio collega, che viene visto come pupillo dagli altri (sinceramente lo trovo presuntuoso, soprattutto quando poi gli dimostro che ha torto marcio e non chiede nemmeno scusa) ha convinto in poco tempo gli altri colleghi a creare per ogni cosa una dll ...

la discussione/curiosità è nata dal fatto che sinceramente non trovo conveniente fare una dll per ogni cosa, o per meglio dire, trovo il punto di convenienza un po' oltre le sue motivazioni di 'leggibilità' e di 'risparmio di stack' (non so cosa intenda dire).
facendo x il momento un esempio, vorrei che qualcuno mi desse un parere sulla convenienza o meno di creare una dll per delle istruzioni.

esempio: ci son 2 sole istruzioni/righe di codici, di cui una imposta alcuni valori/parametri e non cambia per tutta la durata dell'applicazione, mentre l'altra effettua sempre operazioni diverse. supponiamo che una imposta i parametri di collegamento ad un pc (che quindi nn cambiano mai) e l'altra che visualizza l'ora di quel pc.
le operazioni che la macchina dovrebbe eseguire, nel caso di dll, son le seguenti (correggetemi se sbaglio):
istanza l'oggetto ddl (dim xx as new dll), imposta i parametri per collegarsi al pc (xx.set), apri la connessione (xx.openconn), visualizza l'ora di quel pc (xx.time), chiudi la connessione (xx.closeconn), disponi la dll (xx.dispose).. quindi effettua 6 operazioni.. (faccio questo esempio particolare perché è questo tipo di operazioni che vorrebbe mettere in una dll, quando per es. la xx.openconn e la xx.closeconn trovo che si potrebbero avviare rispettivamente solo all'avvio dell'applicazione e alla chiusura della stessa)
nel caso senza dll, io farei impostare semplicemente al load del form i parametri pc.openconn, quando serve il tempo del pc si avvia l'istruzione pc.time e quando si chiude l'applicazione disconnettere pc.closeconn, in questo modo effettuo una sola operazione (pc.time) ogni qualvolta mi serve sapere l'ora di quel pc.
la mia conclusione è che in questo caso non conviene fare una dll, ma semplicemente ripetere pc.time, per non far fare operazioni 'inutili' e ripetitive alla macchina e ciò ne guadagnerebbe in velocità dell'esecuzione dell'applicazione (son sempre microsecondi, ma se devo prelevare il tempo per ogni millisecondo del clock si potrebbero creare latenze) cosa ne pensate?

grazie infinite a tutti coloro hanno letto ciò :)

dinoxet Profilo | Senior Member

IO SONO PER FAI QUELLO CHE SERVE QUANDO SERVE.
OGGI SICCOME I PC SONO MOLTO PRESTANTI NON SI BADA PIù A QUANDO SPAZIO SI OCCUPI O A COSA GLI FACCIAMO FARE,
MA POI SI IPPAZZISCE QUANDO SI ESAGERA.

CONCORDO CON TE SU TUTTA LA LINEA.

DINOXET
__________________________________________
impossible is only a word

_jack_ Profilo | Junior Member

Ciao!
per l'esperienza che ho credo che una DLL sia utile se, nel corso del tempo, si vogliano cambiare dei metodi all'interno di essa (migliorandoli non aggiungendone...) senza dover ricompilare l'applicativo e sostituirlo.

Se la DLL in questione deve fare quelle 4 cose e nulla più, giustamente come dici tu, le farei eseguire direttamente negli eventi della form (o dove ne hai bisogno).

Ciao
Jack!

avarrati Profilo | Newbie

grazie :)
Partecipa anche tu! Registrati!
Hai bisogno di aiuto ?
Perchè non ti registri subito?

Dopo esserti registrato potrai chiedere
aiuto sul nostro Forum oppure aiutare gli altri

Consulta le Stanze disponibili.

Registrati ora !
Copyright © dotNetHell.it 2002-2017
Running on Windows Server 2008 R2 Standard, SQL Server 2012 & ASP.NET 3.5